Vacanze in Francia

Quando arriva gennaio per me significa iniziare a pensare alle vacanze estive. Non è mai semplice perché devo accontentare cinque persone con desideri diversi. Per molti anni, quando i nostri figli erano piccoli, siamo andati al mare, in quel caso la scelta era semplice dovevo solo scegliere il luogo. Quando sono cresciuti abbiamo iniziato a viaggiare. Viaggiare in 5 è costoso, così ho dovuto  combinare cose interessanti e budget visite culturali e divertimento.
Prima di iniziare a pianificare le vacanze, decidiamo il budget da spendere così da poter tenere sempre sotto controllo le spese.
Dopo aver deciso la cifra a nostra disposizione per le vacanze inizio a documentarmi sui luoghi che mi incuriosiscono cercando sempre di trovare cose che possono interessare a ragazzi di varie età.
Circa tre anni fa cercando nel web mi son imbattuta in un blog che parlava di viaggi ” una mamma giramondo” , l’autrice raccontava di un viaggio fatto nel Perigord Noir in Francia, parlava di una di luoghi incantati di paesaggi che sembravano usciti dai racconti dei Tre moschettieri o di Angelica ( non so se conoscete le avventure di questa ragazza La Marchesa degli angeli), avendo noi già visto Parigi e i castelli della Loira ho deciso di visitare questa zona forse meno turistica ma ugualmente affascinante. Ora sorgeva un problema dove alloggiare? Così ho deciso di affittare un camper. L’idea era sempre piaciuta hai miei figli che vedevano in quel mezzo una casa viaggiante. Così ho contattato un noleggio ed ho affittato un camper per 15 giorni al costo di 1500 euro. Il mezzo era per 7 persone, non essendo noi dei camperisti mi si è aperto un mondo, ho iniziato a leggere diari di viaggio di persone che erano andate in quelle zone cogliendo qua e là informazioni utili.
Il nostro primo viaggio in camper: Terni -La Spezia-Saint tropez-Saint Marie la Mer-Avignone-Carcassonne-Tolosa-le grotte del Pech Merle-Sarlat la Caneda-Millau- alta Provenza- il lago di Saint Croix-Pisa-Terni.
Viaggiare in Francia è stato molto semplice abbiamo sempre dormito in are attrezzate tranne a Saint Tropez, dove avevo prenotato tre giorni nel bellissimo camping Les Tournnels per la gioia dei miei figli 3000 mt di piscine con scivoli. Il costo delle are attrezzate e veramente modesto noi abbiamo speso, in 5, dai 14 ad un massimo di 22 euro per notte con uso delle docce calde corrente e wifi. Alcune aree si trovavano lungo fiumi, altre in luoghi isolati, altre vicino all’uscita della strada principale ma comunque sempre pulite accoglienti, alcune volte ci è successo che la mattina fossimo svegliati da un camioncino che  portava cornetti brioche e pane caldo direttamente nell’area.
Per i miei figli è stata una bella esperienza anche se hanno sofferto un pò perché accadeva spesso che di giorno non avessero internet.
Abbiamo visitato Avignone, Pont du Gard, le saline di Aigües Mortes con il mare tinto di rosa e i fenicotteri, il castello di Baux de Provence e Le Carrieres de Lumieres, delle cave dove vengono proiettati immagini di quadri con musica in sottofondo noi abbiamo visto Chagall, il sentiero dell’ocra di Roussillon

e poi Carcassonne il museo dello spazio di Tolosa le grotte del Pech Merle dove sono stati ritrovati disegni rupestri risalenti a 16000 anni fa, i palazzi giallo ocra di Sarlat la Canada tanti piccoli paesi arroccati su speroni di roccia a picco sui fiumi Dordogna o  Lot.

Durante il viaggio abbiamo visitato molti mercatini dove abbiamo assaggiato il salame di oca il prosciutto di oca il famosa fois gra la torta di noci, le specialità provenzali ho acquistato spezie, miele, saponi profumati ed olive condite.  In Provenza mio marito si è fermato quasi in tutti gli chateaux per comprare il vino.
Rientrati in Italia siamo andati a Pisa dove abbiamo visitato la Torre il Battistero il Duomo e il cimitero splendidi!!!
Il bello del camper è che puoi raggiungere qualsiasi luogo portandoti dietro un pezzetto della tua casa, mio marito ha problemi con lo stomaco  andando con il camper non ha avuto problemi in quanto ho quasi sempre cucinato io con prodotti che avevamo in parte comprato prima di partire ma facendo, anche la spesa nei supermercati francesi.
Per questa vacanza abbiamo speso in tutto 2800 euro  in 5 persone abbiamo percorso 3200 km circa.
Le aree sosta sono state: La Spezia area sosta comunale ,villaggio turistico Les tournels Saint Troupez, area sosta Saint Marie la mere, area sosta Pont d’Avignon, camping municipal Limoux, camping municipal Cenevieres, area sosta  dopo Millau ( non ricordo il nome ) camping municipal Fontaine de Vacluse, camping lac de Saint Croix, area sosta Pisa.
Mio marito ed io siamo rimasti molto soddisfatti di tutto ciò che abbiam visto in quella vacanza. I miei figli, si sono divertiti anche se si sono lamentati dei troppi” paesetti” che abbiamo visitato. Hanno apprezzato le grotte, il museo di Tolosa, Avignone e la Provenza in genere non sono rimasti affascinati come noi “grandi” dai colori caldi ed intensi della campagna, dal lento scorrere delle acque dei tanti fiumi incontrati della calma e del silenzio di molti luoghi dove abbiamo dormito in compagnia di oche e uccelli lacustri, dell’ordine della pulizia di tutti i paesi da noi visitati.  L’unico luogo che ci ha delusi, forse perché avevamo grandi aspettative, è Carcassonne una città fortificata che mi aveva affascinato con tutte quelle torri con i tetti che sembravano cappelli delle streghe, troppo commerciale.
Nell’estate del 2017 siamo andati sempre con il camper in Austria, Germania e Repubblica Ceca ma ve ne parlerò la prossima volta.
Se avete bisogno di maggiori informazioni potete contattarmi senza problemi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *